Czas  5 godzin 20 minut

Współrzędne 125

Uploaded 24 lutego 2019

Recorded lutego 2019

-
-
587 m
377 m
0
1,2
2,4
4,81 km

Obejrzane 123 razy, pobrane 3 razy

w pobliżu  Casoli, Toscana (Italia)

IL GIRO DI OGGI, SEMPLICE E POCO IMPEGNATIVO, PREVEDEVA LA SALITA DELLA CRESTA DEGLI ABBACCHIATI DEL MONTE GEVOLI POCO SOPRA L'ABITATO DI CASOLI (CAMAIORE).
GIRO SEMPLICE, POCO IMPEGNATIVO E DAL DISLIVELLO CONTENUTO MA LO STESSO DISCORSO NON VALE PROPRIO PER LA CRESTA DA ARRAMPICARE.
UNA VOLTA ATTRAVERSATO IL PAESE ABBIAMO COMINCIATO A RISALIRE UN SENTIERINO SENZA NESSUNA DIFFICOLTA' FINO AD ENTRARE IN UN BOSCO DI LECCI.
AD UN CERTO PUNTO SULLA SINISTRA SI NOTA UN GROSSO MASSO ED E' LI CHE SIAMO USCITI DAL SENTIERO (VEDI WAYPOINT) ANDANDO A DESTRA.
SI SALE MANTENENDO LA DESTRA CON QUALCHE DIFFICOLTA' IL BOSCHETTO DI LECCI IN QUANTO ABBASTANZA RIPIDO E SCIVOLOSO PER LA PRESENZA DI FOGLIE A TERRA.
NON C'E' UN SENTIERO MA SOLO LEGGERI SEGNI DI PASSAGGIO; NON CI SONO INDICAZIONI MA SOLO UN SEGNO SU UN ALBERO AD UN CERTO PUNTO.
SI ARRIVA QUINDI DOVE CI SONO DUE GRANDI MASSI VICINI FRA LORO CHE CREANO UN CANALINO; QUESTO E' PRATICAMENTE L'ATTACCO DELLA CRESTA CHE SALE VERSO DESTRA CHE SI VEDE SOLO DOPO AVER SUPERATO QUESTI DUE MASSI.
LA VIA E' COMPLETAMENTE DA ATTREZZARE IN QUANTO NON C' E' NULLA DI ARTIFICIALE PRESENTE IN LOCO, NEPPURE UNO SPLIT!.
LA CRESTA DEGLI ABBACCHIATI E' LUNGA CIRCA 160 METRI E SI POTREBBE FARE IN LIBERA ESSENDOCI SULLA ROCCIA CALCAREA MOLTI APPIGLI MA E' MEGLIO EVITARE.
PARTE ROSSANO CHE RAGGIUNGE LA FINE DEL PRIMO TIRO (UNO SPIAZZETTO CON UN PAIO DI ALBERELLI) E UNA VOLTA ASSICURATA LA CORDA AD UN ALBERO SI PARTE TUTTI UNO ALLA VOLTA ATTACCANDOCI ALLA CORDA SULLA QUALE E' STATO REALIZZATO UN NODO DOPPIO 8.
SIAMO IN OTTO PERSONE QUINDI I TEMPI DI ATTESA SONO OVVIAMENTE ABBASTANZA LUNGHI IN QUANTO PER OGNI PERSONA CHE SALE C' E' DA RECUPERARE OGNI VOLTA LA CORDA. CI SI DIVIDE IN DUE GRUPPI IN MODO CHE, SALITO IL PRIMO GRUPPO, IN ATTESA CHE SALGA IL SECONDO IL PRIMO DI CORDATA DEL PRIMO GRUPPO PREPARA LA SALITA DEL SECONDO TIRO.
QUESTA CRESTA NOI SI E' FATTA IN TRE TIRI ANCHE SE QUALCUNO E' RIUSCITO A FARLA IN DUE TIRI O ADDIRITTURA, COME HO LETTO, IN CINQUE ANCHE SE CINQUE MI SEMBRANO UN PO' TROPPI.
OGNI NOSTRO TIRO CHE ABBIAMO FATTO CORRISPONDEVA A CIRCA 40 METRI E I PRIMI DI CORDATA SONO STATI ROSSANO E LUIGI OVVERO QUELLI CON PIU' ESPERIENZA...LUCA ASSICURAVA DAL BASSO.
IL PRIMO TIRO DI CRESTA E' ABBASTANZA ESPOSTO SU ENTRAMBI I LATI E LA CRESTA LARGA CIRCA 2 METRI....L'ESPOSIZIONE SI AVVERTE MA FINO AD UN CERTO PUNTO PERCHE' GLI ARBUSTELLI DALLE PARTI COPRONO UN PO' IL PRECIPIZIO SOTTOSTANTE.
LA SALITA E' PIUTTOSTO RIPIDA, NON BANALE MA MOLTO APPIGLIATA DIREI UN II° GRADO +.
IL SECONDO TIRO, CHE TERMINA IN UNO SPIAZZO UN PO' PIU' GRANDE DEL PRIMO, L'HO TROVATO PIU' SEMPLICE IN QUANTO LEGGERMENTE MENO RIPIDO E QUINDI DIREI UN II° GRADO.
IL TERZO TIRO E' STATO SENZA DUBBIO IL PIU' IMPEGNATIVO E IL PIU' BELLO; QUI STIAMO PARLANDO DI UN II° GRADO + A TRATTI III° GRADO IN QUANTO MOLTO RIPIDO, IN ALCUNI PUNTI CON POCHI APPIGLI E MOLTO ESPOSTO SPECIE NELLA PARTE ALTA DOVE LA CRESTA ARRIVA A FATICA AD UN METRO DI LARGHEZZA.
IL TERZO TIRO E' INOLTRE CARATTERIZZATO DALLA PRESENZA DI UNO SPERONE CENTRALE CHE DI SOLITO LO SI AGGIRA A DESTRA PASSANDO POI DA DENTRO UN CANALINO NON FACILE DA RISALIRE.
CHI SCEGLIE DI ANDARE A DRITTO E SUPERARE LO SPERONE DEVE PRENDERE IN CONSIDERAZIONE CHE DEVE AFFRONTARE UN PASSAGGIO DI IV° GRADO PER NULLA FACILE.
NOI ABBIAMO SCELTO DI AGGIRARLO DA DESTRA PASSANDO DA UNA CENGETTINA DOVE E' PRESENTE UN ARBUSTO DI MIRTO CHE DA UN PO' FASTIDIO MA SE E' LI NON E' COLPA SUA.
ARRIVATI ALLA FINE DEL TERZO TIRO RAGGIUNGO FINALMENTE ROSSANO, MI SLEGO E PROSEGUO IN LIBERA CAMMINANDO L'ULTIMO TRATTO DI 20 METRI CIRCA DELLA CRESTA CHE SONO DA FARSI CON ATTENZIONE PERCHE' L'ESPOSIZIONE E' SEMPRE TANTA.
LA CRESTA FINISCE QUANDO SI ARRIVA AD UNA MARGINETTA CON LA BELLA VISTA SULLA SCOSCESA PARETE DELL'ANTECIMA DEL MONTE GEVOLI CHE E' PROPRIO LI DAVANTI E SULLA QUALE SONO PRESENTI DELLE VIE ATTREZZATE PER L'ARRAMPICATA SPORTIVA.
BELLA CRESTA E' STATA QUELLA PERCORSA ANCHE PERCHE' GLI SCORCI DI PANORAMA CHE OFFRE SONO ECCEZIONALI.
OGGI CHE ERA UNA GIORNATA LIMPIDA SI VEDEVA BENE IL MARE E LA COSTA VERSILIESE, LA CONCA DI CAMAIORE, IL MONTE PRANA, LA CHIESINA DI CAMPO ALL'ORZO, LA FOCE DEL PALLONE E IL MATANNA....OVVIAMENTE PANORAMI CHE GODI QUANDO SEI SULLE SOSTE E NON QUANDO ARRAMPICHI PERCHE' IN QUEL MOMENTO LA CONCENTRAZIONE E' TUTTA PER EVITARE DI SBAGLIARE.
DOPO UNA PAUSA PRESSO LA MARGINETTA LA TENTAZIONE E VOGLIA DI SALIRE IL MONTE GEVOLI E SCENDERE DALL'ALTRA PARTE CE L'AVEVAMO PERO' COMINCIAVA AD ESSERE TARDI E CI SAREBBERO VOLUTE CIRCA 3 ORE PER CUI ABBIAMO DECISO DI SCENDERE DAL SENTIERO CHE PORTA IN CIRCA 20 MINUTI A TRE SCOLLI E POI ABBIAMO PROSEGUITO SULLA STRADA CHE ARRIVA DOPO QUALCHE TORNANTE A CASOLI.
L'IDEALE SECONDO ME E' FARE QUESTA CRESTA IN TRE MASSIMO QUATTRO PERSONE IN MODO CHE I TEMPI DI ATTESA FRA UN TIRO E QUELL'ALTRO SI RIDUCONO DRASTICAMENTE SENZA RINUNCIARE PERO' ALLA SICUREZZA CHE E' LA PRIMA COSA.
COME ATTREZZATURE NOI AVEVAMO UN PAIO DI CORDE DA 60 METRI, QUALCHE RINVIO, MOSCHETTONI E OVVIAMENTE IMBRAGATURA E CASCO.

Komentarze

    You can or this trail